skip to Main Content

Stampare da solo un libro senza editore: 7 decisioni importanti da prendere

stampa_libri_riviste

Per stampare un libro non devi per forza avere un editore. Quando decidi di pubblicare per una casa editrice, puoi usufruire dei suoi canali promozionali e non avrai alcun costo di tipografia. Se decidi di andare da solo, però, puoi ottenere lo stesso un prodotto di qualità.

Le ragioni per pubblicare un libro possono essere tante. Potresti essere un:

  • aspirante scrittore;
  • giovane poeta;
  • fumettista che ha creato una graphic-novel;
  • cuoco che vuole fare un libro di ricette;
  • blogger che vuole raccogliere i suoi post più letti;
  • giornalista che ha fatto un’inchiesta;
  • studente universitario che vuole stampare la sua tesi.

Rispetto ad un editore classico, che deve pensare a tanti libri e tanti autori, tu conosci il prodotto perfettamente ed hai la certezza di averlo a cuore.

L’unico passaggio su cui devi stare attento è la cura della stampa del libro. Un errore in questa fase potrebbe vanificare la forza del tuo progetto. Punta ad avere qualità e, soprattutto, sii consapevole di come tirarla fuori.

Ecco 7 decisioni da prendere per autopubblicarsi un libro di qualità. 

Scegli sempre una copertina forte

Copertina libro forte
La maggior parte delle possibilità di vendite di un libro passa dalla copertina. Lo sostengono diverse ricerche realizzate dalla Fieg – Federazione Italiana Editori Giornali. Perché? La gente va di corsa ed è sempre distratta. E’ raro che legga il retro di un libro per capire di cosa parli. E’ ancora più raro che legga recensioni professionali per decidere cosa comprare in libreria.

E’ più facile che si faccia “catturare” da una copertina d’impatto. Un lavoro grafico che si deve far notare facendo sempre leggere chiaramente il nome dell’autore e il titolo dell’opera.

Com’è fatta una copertina di un libro? Deve includere:

  • copertina anteriore;
  • cover posteriore;
  • dorso.

Il file grafico va consegnato ad alta risoluzione, almeno 300 dpi. Ecco perché la copertina di un eBook non va bene per andare in stampa.

Seleziona la dimensione del libro

Le dimensioni dei libri non sono tutte uguali. Seleziona il formato che preferisci ragionando sui pro e sui contro di esso. Questa è una classica valutazione che spetta all’editore. Ecco due diverse opzioni tra le più scelte:

  • il formato A5 è molto amato perché tascabile e, quindi, trasportabile nei viaggi;
  • il formato A3 è di grande impatto visivo e si presta a stampare copertine che attirino l’attenzione ma non è maneggevole e non entra in molte librerie standard.

Decidere quale formato del libro usare, quindi, significa stabilire quanto contino nel libro le immagini e quanto le parole.

Per fare un esempio, nei libri fotografici dove questa scelta si fa da sola.

Scegli la rilegatura

Tra le caratteristiche più importanti di un libro c’è la rilegatura. I più grandi collezionisti di libri lo sanno e ne parlano spesso nei loro blog di settore. Prima di andare in stampa, perciò, decidi dove posizionarti in tal senso. Alcune soluzioni sono più costose di altre e vengono percepite come segno di maggiore qualità dell’oggetto libro. Puoi avere una rilegatura:

  • a punto meccanico;
  • a brossura fresata;
  • a cucitura in filorefe.

Oltre ai costi cambia la resa. La percezione della qualità della stampa di un libro da parte di un possibile acquirente passa anche da questa tua scelta. Un volume importante, per fare un esempio pratico, lo è fin dal tipo di rilegatura.

Cura il testo del dorso

Un’altra cosa che devi sapere se vuoi stampare da solo un libro è che c’è da considerare con precisione il testo del dorso. Si tratta della parte che si vede di un libro quando è impilato in una libreria o su una scrivania. Sono le uniche informazioni che un lettore vedrà sempre.

Solitamente si mettono:

  • titolo dell’opera;
  • nome dell’autore;
  • eventuale nome della collana a cui l’opera appartiene.

Attenzione. Nella creazione del testo del dorso influisce tantissimo il numero di pagine del libro. Se le pagine sono poche, sarà molto stretto il dorso e, di conseguenza, sarà minore lo spazio da usare.

Non solo. Assicurati di avere un font leggibile rispetto al colore di fondo della copertina e della dimensione massima che lo spessore del libro concede.

Assicurati di impostare correttamente i segni di taglio

I segni di ritaglio nella grafica di un libro servono ad indicare dove la carta deve essere ritagliata dopo la stampa. Si tratta di una serie di linee corte e sottili poste in tutti e quattro gli angoli del layout.

Perché esistono i segni di taglio? Perché, quando un libro va in stampa, viene messo nelle macchine su una superficie di carta più grande della dimensione finale desiderata.

Impara ad impostare correttamente i segni di ritaglio considerando che il contorno rosso pieno rappresenta la dimensione finale desiderata. La linea blu tratteggiata, invece, mostra l’estensione dell’area di sfiato, che verrà ritagliata quando la carta viene ritagliata lungo i segni di ritaglio.

Non risparmiare sullo spazio interno

Autostampare un libro significa pagarti da solo i costi di tipografia. E’ ovvio che avrai un occhio di riguardo per tutte le possibilità di risparmiare. Stai attento però. Alcuni tagli sono buoni per il portafogli ma deleteri per il successo del libro.

Una spaziatura troppo fitta del testo vuol dire avere pagine piene di parole troppo piccole e troppo vicine tra loro. E’ chiaro che questo vuol dire per te avere meno pagine da stampare. Per il lettore, però, significa un testo poco leggibile che scoraggia la lettura.

Affida agli sticker informazioni aggiuntive

Per avere una copertina di libro forte devi realizzare un lavoro grafico pulito dove ci sono pochi elementi visivi e poco testo. E se hai in arrivo nuove informazioni importanti da mettere sulla cover? Sfrutta gli sticker. Leggiti questo nostro articolo su come usare gli adesivi nel marketing e ne capirai il potenziale.

Quando un libro vince un premio, quando vuole riportare una recensione prestigiosa, quando punta su una promozione di prezzo che dura un preciso arco di tempo, si parla di informazioni effimere. Questo genere di comunicazione si fa con un adesivo che si applica in un secondo momento sulla copertina. Così potrai usare le copie che hai già stampato senza dover sostenere tutto quel costo.

Sticker per copertina libro

Giunto alla fine di questa guida su come stampare da solo un libro, raduna insieme i consigli appena appresi e mettili in pratica. Come? Affidandoti ad una realtà in cui qualità alta e prezzi competitivi collimino. Siamo lieti di mostrarti quante opzioni offriamo se ti vuoi stampare un libro in autonomia.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Back To Top