skip to Main Content

Gadget di Stranger Things: scopri come monetizzare un successo

Gadget di Stranger Things

C’è sempre da imparare. Nel caso dei gadget di Stranger Things da imparare c’è molto. Perché stanno rendendo più solido il successo della serie Netflix fidelizzando il cliente e aumentando la visibilità del prodotto. Se hai voglia di usare gadget aziendali anche tu, studiati il caso e copia tutto quello che di buono si sta facendo in merito. Il mondo del Sottosopra potrebbe essere la fonte d’ispirazione che stai cercando.

Cosa sono i gadget aziendali

Prima di entrare nello specifico dei gadget di Stranger Things, mettiamo a fuoco lo strumento di stampa personalizzata in questione. Tecnicamente si tratta di oggetti personalizzati col logo dell’azienda ed altre grafiche. Perché funzionano? Lo spiega la facoltà di Psicologia Cognitiva dell’università La Bicocca di Milano che punta il dito sul preciso momento in cui un cliente riceve in dono un gadget.

Tutti noi siamo continuamente esposti ad informazioni pubblicitarie non richieste e ci difendiamo abbassando il livello di attenzione nei confronti dei messaggi che riceviamo. Questa barriera cognitiva la tiriamo giù solo se, invece di una promozione, otteniamo qualcosa di utile e/o che ci piace.

Il beneficio del gadget  è più forte del bisogno di difenderci per cui abbassiamo le difese cognitive e siamo disposti a ricevere il messaggio senza ostruzioni. Tutte le informazioni che veicolano i gadget aziendali, quindi, avranno più possibilità di essere ricordate e messe in pratica. Pensa a quanto questo conti se proponi al cliente una Call to Action, cioè una chiamata all’azione.

Perché usarli

Come di certo ben sapranno quelli che stanno producendo i gadget di Stranger Things, i vantaggi di usare questo strumento di marketing di stampa sono i seguenti:

  • sono un modo a buon mercato per fare pubblicitàal tuo logo e al tuo nome rispetto alle tradizionali campagne comunicazionali massicce sui media vecchi;
  • offrono un ottimo gancio per creare relazioni personalipartendo dal momento dello scambio del regalo;
  • possono rendere più professionale l’immagine aziendale che il cliente ha di te perché dai dimostrazione di avere cura dei dettagli della tua comunicazione tanto da volerci investire soldi.
  • Ti offrono l’opportunità di aumentare la fedeltà dei dipendenti(la cosiddetta “brand loyalty”) attraverso regali per premiare l’efficienza e i risultati ottenuti sul lavoro.

I gadget di Stranger Things

Ora che hai messo a fuoco quanto efficace possa essere produrre gadget aziendali, fatti ispirare da quello che stanno facendo sulla serie più nerd di Netflix.

1 – Tshirt personalizzata con lucine di Natale

Un classico capo d’abbigliamento da personalizzare sono le magliette. Quella con Will e le lucine di Natale piace molto. Se il giovane ragazzo le usa per comunicare dal mondo del Sottosopra, Netflix le usa per fidelizzare i fan con un simbolo che ben conosce chi ha già amato la serie.

T-shirt personalizzate Stranger Things
2 – Felpa brandizzata col cappuccio

Citare l’outfit dei protagonisti è una mossa vincente e lo dimostra la felpa personalizzata col nome della serie. Tra i gadget di Stranger Things è molto utile per attirare nuovi spettatori. Chi indossa il capo d’abbigliamento, infatti, porta in giro il brand e lo mostra. Più persone lo vedono e più è probabile che qualche nuovo fan arrivi.

Felpa personalizzata Stranger Things
3 – Busta shopper con grafica

Se magliette e felpe brandizzate sono un classico, la busta è una novità. Da poco tempo s’è scoperto l’impatto comunicativo delle buste shopper personalizzate e questo oggetto, tra i gadget di Stranger Things. è quello che si vede di più perché ha un’utilità molto evidente. Ci porti le tue cose.

Personal Shopper Stranger Things
4 – Canottiera col Demogorgone

Cosa c’è di meglio di un intimo griffato? Qua si perde in visibilità (perché non tutti vedono la tua canottiera) ma si va nel profondo della fidelizzazione del cliente. Se una persona arriva a volere vedere un marchio quando si spoglia, vuol dire che ha un rapporto forte con lui.

Canottiera Stranger Things
5 – Scarpe da ginnastica brandizzate

Tra i gadget di Stranger Things questa è considerata una chicca. Lo stile delle scarpe è quello delle Converse ma la grafica è tutta incentrata sull’ultima stagione, dove Undi (o El) ha i capelli lunghi ed un look da ragazza anni ottanta.

Scarpe personalizzate Stranger Things
6 – Cover per smartphone

Personalizzare la cover dello smartphone è come avere sempre una pubblicità in essere. Si tratta di un oggetto che abbiamo sempre in mano tanto che, spesso, ce lo portiamo anche in bagno. Poteva mancare nell’offerta?

Cover personalizzata Smartphone
7 – Set lego da collezione

E’ il più costoso tra i gadget di Stranger Things e si rivolge ad un pubblico esigente. Chi è disposto a spendere quella cifra per avere un set Lego così particolare è un collezionista. Ottimo modo per finire nelle librerie o nelle vetrine di persone in genere molto motivate a spendere soldi.

Set Lego Stranger Things
8 – Tazza con logo della serie

Forse il più banale tra i gadget di Stranger Things, ha comunque il suo senso. Personalizzare tazze significa entrare negli uffici e nelle case dove il caffè o il tè sono momenti di break in cui la testa è più predisposta a recepire nuovi messaggi.

Tazza personale Stranger Things
9 – Set Dungeon n Dragon Stranger Things

Questo è davvero per pochi. I ragazzini delle serie giocano a Dungeon & Dragons all’inizio della storia ed ora c’è una pubblicazione del famoso gioco da tavola anni ottanta tutta personalizzata.

Dungeons & Dragons Stranger Things

Hai visto che incredibile universo c’è dietro ai gadget di Stranger Things? Non puoi far altro che copiare uno o più oggetti mostrati per darti modo di cogliere benefici e vantaggi di questa strategia di comunicazione offline.

 

Da questa pagina del nostro sito, invece, puoi farti un’idea delle opzioni di realizzazione dei gadget aziendali e delle promozioni attive in merito.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Back To Top