skip to Main Content

11 consigli su come fare il volantino che funziona in modo efficace

Consigli su come fare il volantino

Ti è mai capitato di ordinare una pizza al telefono approfittando di una promozione su volantino? Succede a molti e molto spesso.

Questo perché la pubblicità su carta stampata è ancora molto importante nel marketing moderno.

Tra i possibili strumenti del marketing di stampa, i volantini sono una forma di comunicazione tuttora efficace. Arrivano nelle mani del possibile cliente e sotto i suoi occhi.

Per fargli fare quello che vuoi tu (la famosa “Call to Action”), devi sapere, però, come fare il volantino. Lo impari seguendo questi 11 consigli:

Individua i benefici della tua offerta

Le persone pensano solo al loro guadagno. Di fronte ad un’offerta commerciale, l’unica priorità del cliente è scoprire quale beneficio potrebbe trarre per sé.

Ecco perché raccontare quale beneficio offre un prodotto o servizio è un contenuto interessante che stimola attenzione e quindi una reazione. Tutto il resto è superfluo, invece, non serve.

Impegnati a fare brainstorming sull’offerta commerciale e metti a fuoco la tua particolarità. Prima di fare un volantino devi sapere esattamente cosa dai tu che non danno gli altri.

Sintetizza il beneficio nel titolo

La parte più importante del volantino è il titolo. E’ l’elemento visivo che salta subito all’occhio ed è la prima cosa che un cliente leggerà di te.

Devi fare un lavoro di copywriting sul testo perché, in poche parole, il titolo dovrà rispondere alla domanda del lettore “cosa c’è di buono per me?”. Lo devi spiegare chiaramente ed usando il tu.

Non solo. Assicurati di mantenere il tuo testo breve. Considera che alcune delle parole più potenti da usare sono:

  • gratis;
  • risparmio;
  • novità;

Hai solo pochi secondi per attirare l’attenzione di un potenziale cliente prima che butti via il tuo volantino. “Sottoprezzo”, per fare un esempio, è piuttosto chiaro.

Sottolinea il beneficio con la grafica

E’ molto importante, nella creazione di un titolo, realizzare una grafica colorata e spaziosa. Avrà un impatto maggiore rispetto ad altre eventuali immagini più piccole e scure.

I docenti di Scienze della Comunicazione della Sapienza di Roma sostengono che l’occhio decodifichi prima le forme geometriche rispetto al testo.

Creare un testo con un carattere particolare (un font grafico), quindi, ti garantisce che l’attenzione del cliente sia lì prima ancora di iniziare a leggere.

Usa un linguaggio semplice

Ricordati che non sai nulla di chi leggerà il tuo volantino. Non sai se è una persona che ha studiato e quanto bene conosce l’italiano.

Ecco perché devi scrivere in modo semplice e senza termini tecnici. Che si tratti del titolo o del resto del corpo del testo, è importante produrre un contenuto comprensibile a tutti.

L’obiettivo non è stupire il lettore ma convincerlo a fare un’azione precisa.

Formatta il testo

Nell’ottica di parlare semplicemente al cliente, è bene che tu renda facile la lettura del volantino anche con le immagini. Tra un testo e l’altro prevedi spazi ampi e magari icone che spieghino il senso delle parole con un’immagine.

L’importanza della formattazione del testo è riconosciuta dagli psicologi sociali dell’università Bicocca di Milano che consigliano di usare:

  • elenchi puntati;
  • paragrafi;
  • spaziature ariose;
  • grassetti per i concetti chiave;
  • azioni richieste al cliente chiare.

Crea l’urgenza dell’offerta

La sensazione di avere fretta è uno stimolo forte a fare le cose. L’urgenza, infatti, è uno degli aspetti più potenti della motivazione nella psicologia umana. Secondo gli psicologi comportamentali le situazioni urgenti ci spingono all’azione.

Questo è il principio base dello Scarcity Marketing per cui:

quando una persona pensa che qualcosa sta per finire, ne vorrà di più

Un esempio? Un volantino ha più probabilità di funzionare se contiene uno sconto a tempo limitato. Ti basterà disegnare un coupon sul quarto inferiore del volantino e citare là tempi della promozione (“entro venerdì 8 del mese”) e il modo di usufruire della promozione (“vieni in negozio dalle 14 alle 18”).

Usa testimonianze di clienti soddisfatti

Utilizzare testimonianze convincenti di clienti soddisfatti ti aiuta ad evitare la diffidenza del lettore. La conferma della qualità da parte di un cliente soddisfatto attira l’attenzione e racconta in modo credibile i risultati che il tuo prodotto sa garantire.

Per rendere credibile la testimonianza del cliente sul volantino è importante che tu includa il nome e il cognome, il nome dell’azienda e la posizione della persona che parla.

Sfrutta la doppia facciata del volantino

A meno che non sia una necessità economica perché hai pochi soldi, è un errore creare volantini vuoti sul retro. Si tratta di spazio in più che va usato al meglio e che, se ben gestito, può riservare grandi soddisfazioni.

Se, infatti, è vero che le informazioni più importanti devono sicuramente andare sul lato anteriore, il retro del volantino è perfetto per aggiungere informazioni di supporto come:

  • listini prezzi;
  • domande più frequenti (le FAQ);
  • mappa dei punti vendita;
  • programma (per esempio un workshop o un incontro col pubblico).

Correggi sempre le bozze prima di andare in stampa

Tra le caratteristiche del volantino efficiente c’è che, una volta stampato, non lo puoi modificare più. Ecco perché ti consigliamo di limitare gli errori il più possibile nella bozza grafica. Come? Seguendo questi consigli per correggere correttamente le bozze di un volantino:

  • fai rileggere a qualcun altro che abbia la mente fresca;
  • controlla le tue informazioni di contatto;
  • digita l’URL del tuo sito web per assicurarti che sia corretto.

Non intasare il volantino di immagini e testo

Cura il bilanciamento tra vuoto e pieno. Sarebbe un errore grave non farlo. E’ importante non scoraggiare la lettura in chi riceve il volantino. Cerca di dare respiro all’aspetto del volantino organizzando la pagina con box, bordi e aree di colori contrastanti.

Lo IED, Istituto Europeo di Design, spiega spesso nei suoi corsi che lo spazio (o in generale il bianco) mette in evidenza altri elementi presenti. Sfruttando il vuoto, quindi, potrai sottolineare il pieno.

Non dimenticare brand e contatti dell’azienda

L’ultimo consiglio su come fare il volantino è tanto semplice quanto importante. Non dimenticare di inserire nel volantino il logo della tua azienda ed i contatti.

Sembra incredibile ma è tra gli errori più comuni nella creazione di un volantino. Ci si impegna molto a dare impatto al titolo e alla grafica che poi ci si dimentica di dire al cliente chi sei e come ti può contattare.

Ora che sai quali sono i principali consigli su come fare il volantino, scopri tutte le opzioni che la nostra azienda ti dà per stamparlo.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Back To Top