skip to Main Content

Come lo spazio bianco nella grafica rende più efficace la comunicazione

spazio bianco nella grafica

L’impatto della grafica nella stampa personalizzata è fondamentale. Sappiamo quanto sia ancora una forma di pubblicità efficace ma, per essere tale, la si deve realizzare nel modo corretto. Parti da dove parte l’occhio umano e cioè dalle immagine. Per metterle in evidenza e per essere certo di non confondere le informazioni base, è bene che tu sia pulito. A questo serve lo spazio bianco nella grafica. A dare ordine e piacevolezza nel lavoro. Capiamolo meglio insieme.

Cos’è lo spazio bianco nel graphic design

La definizione dello spazio bianco è la seguente:

si tratta dello spazio che intercorre tra gli elementi grafici e il testo all’interno di un layout.

Tecnicamente si può anche definire:

  • spazio vuoto:
  • spazio negativo;
  • whitespace.

Va subito spiegato che, quando si parla di spazio bianco, non si intende uno spazio per forza di quel colore. Può essere anche di altri colori o addirittura una parte di un’immagine o di una fotografia. Si è fatta questa scelta cromatica perché il bianco è il colore che tipicamente contraddistingue le pagine. Sia che si tratti di una pagina di carta sia che si tratti di una pagina digitale di un file da mandare in stampa.

L’utilità dello spazio bianco nella grafica

Jan Tschichold. un grande designer del novecento, diceva che:

lo spazio bianco va considerato come un elemento attivo e non come uno sfondo passivo.

E’ uno strumento che serve a stabilire equilibrio ed armonia visiva all’interno di un progetto grafico. Ecco perché aiuta anche la comunicazione. Una corretta comprensione del messaggio pubblicitario passa anche dal fatto che non ci devono essere elementi che generano confusione. Se un volantino appare troppo fitto e disordinato, scoraggia la lettura e il cliente lo butta subito nel cestino.

Il punto focale

Per capire a pieno come sfruttare lo spazio bianco in grafica, chiarisciti il concetto di punto focale che, secondo gli esperti, è:

quell’elemento verso cui far andare lo sguardo dell’osservatore. Un qualcosa che dovrebbe esserci sempre, per rendere funzionale ed interessante la tua composizione.

Un punto focale, per essere efficace davvero e quindi far andare lo sguardo proprio verso quell’elemento, è bene che sia circondato da un adeguato spazio bianco che dia respiro aumentandone la percezione. Non solo.

L’ordine

Lo spazio bianco serve anche a dare ordine. Che sia la struttura di un file grafico o l’impaginato di una brochure, è necessario che ci siano determinate posizioni e una ben precisa ratio. Immagine una serie di immagini attaccate tra loro senza soluzione di continuità. Non si capirebbe nulla!

Come si applica

Ora che hai capito quanto peso abbia lo spazio bianco nel tuo lavoro, passiamo all’aspetto fattivo. Per applicare nel modo migliore questo strumento inizia a sapere che i whitespaces si dividono in:

  • micro;
  • macro.

Questa distinzione si effettua in base alle dimensioni degli spazi stessi e degli elementi grafici da suddividere all’interno di un layout, inteso come la struttura base di un qualsiasi supporto, dalla pagina allo schermo.

Lo spazio bianco macro

E’ lo spazio del layout più grande avendo con sé anche lo spazio esterno, i margini in un impaginato o il padding in un sito web.

Lo spazio bianco micro

E’ quello tra i paragrafi in un testo, tra il titolo e l’inizio del testo o tra l’immagine e la sua didascalia. Ma è  anche lo spazio tra le parole, detto tracking, o tra le singole lettere, detto kerning.

La loro gestione è alla base di un’ottima leggibilità di un testo, ma anche solo di una sequenza di immagini. Pensa ad un catalogo fatto bene e cercati gli spazi bianchi che usa.

Tutto, poi, è giocato col contrasto. A volte funziona anche in sottrazione dove lo sfondo è uno spazio nero e testo ed immagini sono bianche. In tal caso girano bene le sagome e i lettering elaborati. Il risultato sarà un lavoro elegante che tanto piace alle persone tra i 30 e i 40 anni con un buon livello culturale.

Ora che ti sei “fatto un giro” nel mondo dello spazio bianco nella grafica, fatti anche un giro nei nostri prodotti tra offerte, sconti e promozioni. 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Back To Top