skip to Main Content

Ghost writer: cosa fa e come ti aiuta a vendere di più

Ghost writer

Ci sono dei punti saldi della stampa personalizzata. Innanzitutto è ormai chiaro e conclamato che è molto efficace anche nell’era digitale e se ne discute dettagliatamente in quest’articolo (LINK). Poi è altrettanto evidente che le immagini hanno un ruolo predominante perché hanno il potere di attirare l’attenzione delle persone distratte. Ma non si esaurisce tutto qua.

L’impatto del testo non è affatto secondario. Se è vero che su un’immagine cade l’occhio, è altrettanto vero che la conversione da disattenzione ad azione avviene solo tramite le parole. Se tu stabilisci un’azione che vuoi che faccia il cliente è solo scrivendo le giuste informazioni che potrai ottenere di farla eseguire. Per questa ragione non buttare via questa fase del lavoro creativo. Che tu stia creando un volantino o un catalogo, è bene avere testi ben fatti.

Se credi o temi di non avere le caratteristiche giuste, valuta la figura del ghost writer. Potrebbe esserti utile.

Cos’è il ghost writer

La definizione di ghost writer stabilisce che si tratta di:

una persona con spiccate doti narrative che scrive articoli, post, promozioni e romanzi al posto di qualcun altro.

Si tratta di professionisti della scrittura che prestano il loro talento a chi non ha queste competenze. Il meccanismo della sua prestazione è semplice. Rinuncia apertamente e dichiaratamente alla gloria e alla visibilità dovute all’autore in favore di un compenso concordato. Semplificando, in cambio di soldi accetta di non far apparire il suo nome tra gli autori di un’opera.

La legalità del mestiere di ghost writer viaggia su una zona grigia ma il discorso si amplia ora che i motori di ricerca come Google chiedono sempre più contenuti originali. Un conto è appropriarsi della paternità di un romanzo che potrebbe vincere premi e dare notorietà al finto scrittore ed un conto è apparire a capo di una promozione di stampa personalizzata dove la fetta di celebrità è risibile.

A chi interessa

I clienti dei ghost writer sono più variegati di quanti ci si aspetti. In linea generale si tratta di persone che hanno necessità di pubblicare contenuti ma non ne sanno creare da soli. Pensa a tutte quelle celebrità che hanno un pubblico fedele che comprerebbe libri e articoli. Non è detto che tutte sappiano scrivere né che abbiano voglia o tempo per farlo. Ricordati che, a certi livelli, il tempo è denaro e che scrivere un libro comporta sacrificio e dedizione.

Le persone che usano ghost writer più comuni sono:

  • giornalisti tv;
  • calciatori;
  • attori;
  • cantanti;
  • influencer;
  • commercianti;
  • aziende;
  • esperti che pubblicano libri di settore.

Queste ultime tre voci ti fanno capire che non c’è bisogno di lavori estremamente creativi. Serve e funziona anche per le promozioni dove le capacità di scrittura fanno la differenza. Per quanto riguarda comunicazioni di settore, poi, non c’è da stupirsi se interviene un ghost writer. E’ ovvio che l’esperto sappia tutto su quel tema ma non è detto che abbia spiccate doti narrative. Ecco perché ti puoi garantire qualità nella parole indirizzano il lavoro di questo professionista.

Come funziona il ghost writing

Capire come lavora un ghost writer ti farà tranquillizzare sulla sua resa. Di base il professionista:

  • prende informazioni sul tema documentandosi;
  • ti intervista per capire la gerarchia delle informazioni da dare;
  • crea una bozza;
  • te la fa revisionare;
  • edita e formatta il testo.

Si tratta di un flusso costante che ti dà la garanzia di avere testi promozionali efficaci puntati al 100% sul tuo pubblico di riferimento (cioè sul tuo target) e asciugati al netto della necessità pubblicitaria.

Adesso che sei coperto come testi, pensa a quante cose puoi fare con i nostri strumenti di stampa personalizzata. Dal sito puoi vedere prodotti, prezzi e promozioni in atto.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Back To Top