skip to Main Content

Concessionaria pubblicitaria: cos’è, come funziona e come sfruttarla

Concessionaria pubblicitaria

In questo nostro blog stiamo spiegando da un po’ di tempo quanto efficace possa essere la pubblicità su manifesti. Se ben strutturata e ponderata nelle scelte chiave, può attirare in brevissimo tempo nuovo pubblico e può creare una solida percezione del pubblico. Oltre alla realizzazione del cartellone in sé, però, il successo di una campagna passa anche dalla scelta di dove e quando esporre la cartellonistica. Ecco perché in molti si fanno aiutare da una concessionaria pubblicitaria.

Nell’ottica di avere in mano tutti gli strumenti per muoverti in modo indipendente nella creazione della tua promozione, è bene che tu sappia cos’è una concessionaria pubblicitaria, come funziona e come sfruttarla al meglio. Avere questi concetti base, infatti, significa poter poi scegliere coscientemente la strada da imboccare. Partiamo dalla base.

Il ruolo della concessionaria pubblicitaria

La definizione di concessionaria pubblicitaria passa dal suo scopo principale. Si tratta di una realtà che ti supporta nella necessità di affittare o vendere i tuoi spazi pubblicitari senza che possano esserci complicazioni di ogni sorta.
Lavorare con la cartellonistica è affascinante ma ci sono tante cose da considerare. Ecco perché non è consigliabile muoverti da solo.

Cosa sono i manifesti pubblicitari

Per capire cosa fa una concessionaria pubblicitaria parti dall’oggetto che tratta. Si tratta di manifesti promozionali che sono una forma di pubblicità visiva di grandi dimensioni esposta in luoghi di grande visibilità e di grande passaggio. Questo strumento prende piede con la crescita della società industriale perché iniziano a girare le prime automobili ed esplodono in un grande successo durante il boom economico degli anni sessanta, quando le persone hanno più soldi in tasca ed iniziano a comprare non solo beni necessari.

A prescindere dal prodotto o dal servizio che vuoi vendere con i tuoi manifesti, devi sempre sincerarti di creare una comunicazione d’impatto in grado di attirare l’attenzione dei passanti. Ci muoviamo tutti di fretta e con la testa persa tra pensieri e social network. Se ci soffermiamo a guardare qualcosa è perché ci ha colpito molto. Ecco perché l’investimento dei cartelloni pubblicitari va fatto solo se si lavora per non passare inosservati.

Perché stamparli

I principali obiettivi da raggiungere con manifesti pubblicitari sono i seguenti:

  • entrare in nuove fette di mercato;
  • fidelizzare pubblici precisi;
  • acquisire nuovi clienti;
  • rafforzare la riconoscibilità del brand;
  • comunicare un cambiamento di valori dell’azienda;
  • presentare nuovi prodotti o servizi;
  • invitare le persone ad un evento fisico o online;
  • proporre sconti e promozioni.

Ovviamente per ogni scopo ci sono linguaggi ed immagini giuste ma, in generale, considera sempre che è bene avere un messaggio chiaro e inequivocabile.

Cosa fa una concessionaria pubblicitaria

Il compito principale di una concessionaria pubblicitaria è quello di consentire ai proprietari di spazi pubblicitari di venderli facilmente a chi ne ha bisogno per una campagna di cartellonistica. Vediamo più nel dettaglio come ci riesce.

Di base la concessionaria pubblicitaria si occupa di:

  • gestire diversi spazi pubblicitari su cartelloni;
  • preparare una campagna di uscite per i clienti;
  • aiutare i nuovi clienti ad avvicinarsi al servizio.

La questione è centrale perché non è semplice farla da solo. Per capire, a titolo d’esempio, leggi quest’articolo su cosa sia il calendario delle affissioni pubblicitarie.

Come guadagna

Una concessionaria pubblicitaria guadagna la provvigione dagli spazi affittati. Ha, quindi, tutto l’interesse a lavorare per te strutturando una campagna seria e nel tempo che ti dia risultati concreti. Nella storia della pubblicità su manifesti, infatti, nessuno ha mai “svoltato” con una semplice uscita di un singolo cartellone.

Ecco perché esistono le “quindicine”, cioè il periodo minimo di affissione che è pari a 15 giorni. Si crede che in due settimane si abbia il tempo minimo per essere visto e notato da un pubblico. A seconda dell’obiettivo che vuoi raggiungere, sarà la concessionaria pubblicitaria a farti capire per quanto tempo è bene prevedere la comunicazione.

Ora che hai capito come può aiutarti una concessionaria pubblicitaria, vieni a capire come possiamo aiutarti noi nella stampa dei migliori manifesti.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Back To Top