skip to Main Content

Come organizzare il lavoro grafico per avere strategie di successo

Come organizzare il lavoro grafico

Scoprire come organizzare il lavoro grafico ha diversi vantaggi. Se ti muovi bene, perdi poco tempo e ottieni più facilmente i risultati che vuoi raggiungere. Spendi, quindi, meno soldi. Per ottenere questi benefici è importante che tu conosca le cose da fare per avere una comunicazione efficace.

Una volta chiariti i procedimenti per gestire un lavoro grafico senza intoppi, scrivili su un foglio che terrai attaccato sul muro sempre visibile. Che tu sia un grafico professionista o un aspirante tale, sono regole sempre valide.

Seguirle ti garantisce 3 vantaggi:

  • portare le persone a fare quello che tu desideri (la Call to Action);
  • viaggiare spedito nelle consegne;
  • non sostenere spese inutili nella loro realizzazione.

Ecco come muoverti all’interno del tuo ufficio per avere un lavoro grafico indiscutibile.

Stabilisci chiaramente i tempi di consegna

Cerca di evitare di realizzare grafiche in fretta perché le grafiche sul web restano e, se sono brutte, potranno sempre essere associate a te. Prima di iniziare a lavorare, datti una precisa data di consegna (una deadline) ma analizzando con onestà quello che puoi fare.

Se ritieni che i tempi di consegna siano troppo risicati, infatti, datti subito maggiore spazio. In generale un trucco dei grafici per avere margine di realizzare un buon prodotto visual è quello di aggiungere un po’ di tempo al reale tempo necessario. Con questo “tesoretto” da spendere in caso di imprevisti o scarso momento creativo, le consegne saranno rispettate non pesando sui costi. Così potrai agire con calma.

Stabilisci tempi e modalità dei guadagni

Sembra assurdo ma lavorare senza il pensiero di essere pagati aiuta la creatività. Ecco perché, per consegnare un lavoro grafico di qualità, ti consigliamo di chiarire in partenza il flusso dei guadagni.

Se sei in una web agency e stai lavorando per altri clienti, ricordati che chiedere un anticipo è un’ottima abitudine. Ti mette in condizione di avere la testa concentrata solo sulla creazione. Ecco perché i grandi artisti hanno persone che trattano per loro le questioni dei soldi.

Non prevedere diverse versioni di un lavoro

Il modo in cui ti devi vedere è come esperto grafico. Per capire questa professionalità usiamo una metafora. Devi lavorare esattamente come lavora un sarto. Un sarto non realizza un vestito su misura facendo anche altri capi d’abbigliamento per poi far scegliere il cliente. Il suo prodotto è uno e uno deve rimanere.

Se hai dubbi, stabilisci subito le criticità del lavoro grafico che stai per affrontare. Facendo così risparmierai tempo dopo e quindi risparmierai soldi.

Non accettare di copiare… troppo

Tra le dritte su come organizzare il lavoro grafico segnaliamo la possibilità di copiare il lavoro grafico di un competitor di successo. Funziona ma va fatto bene. Perché? Farsi ispirare dal primo della classe è un modo veloce per superare i problemi di scarsa creatività in fase iniziale ma deve essere solo una scintilla.

Gli Psicologi Cognitivi che hanno studiato i meccanismi del processo creativo spiegano che è come se ognuno di noi avesse in testa un motore. Ci vuole qualcosa che lo accenda ma, una volta partito, deve macinare strada da solo. Stai attento a non superare mai il limite: nell’era digitale chi copia in modo troppo evidente si scopre velocemente. Prendi spunto ma rielabora più che puoi.

Non realizzare bozze grafiche senza avere i contenuti finali

Nel marketing le parole hanno la priorità. Significa che la grafica deve essere costruita intorno ad esse e allo scopo di sottolinearle. Tra le cose da sapere su come organizzare il lavoro grafico questa può fare la differenza su quanto ti costa il lavoro finale.

Realizzare bozze di grafica senza essere certo che un testo sia definitivo, infatti, vuol dire rischiare di dover rifare il lavoro di nuovo. Sarebbe una perdita di tempo e, di conseguenza, una perdita di denaro.

Crea un calendario per le diverse fasi del lavoro

Il lavoro grafico è diviso in diverse fasi, dette “step produttivi”, che devi essere preciso nel rispettare.

Dividere in tappe la consegna di un prodotto grafico aiuta ad avere le idee chiare durante tutto il percorso realizzativo. Come fare? Crea un flusso di lavoro. Parti dalla scelta dell’identità della tua azienda, che in marketing si chiama “la corporate identity”, e poi scegli colori e font del logo. Infine applica questi passaggi al messaggio che vuoi dare al cliente e al prodotto di marketing di stampa che hai deciso di usare per questo.

Prevedi test intermedi

Uno dei migliori modi per rispettare le consegne grafiche personali è non dover tornare sopra ad un lavoro grafico una volta finito. Come? Organizza test dei passaggi intermedi per capire se quella precisa fase di lavoro è stata ben svolta.

Lo svantaggio di muoversi così è che mostri fasi creative in divenire a chi potrebbe non avere i giusti mezzi per capirle davvero. Una bozza di logo non è un logo e questa cosa non è chiara a tutti.

Il vantaggio, però, è che sei certo di andare nella direzione giusta.

Chiarisci l’obiettivo

Non sempre quello che serve alla tua azienda o quello che vuole un cliente è chiaro. Usa tutta la tua esperienza per rendere evidente e indiscutibile il messaggio della comunicazione.

Non esitare a puntare in alto se ne senti la necessità. Rimettere in discussione le caratteristiche del prodotto grafico in generale è dannoso. Quando questo genera un innalzamento notevole della qualità, però, ne vale la pena. Se alla consegna il lavoro grafico sbalordisce, il marketing funziona al 100% e sono tutti felici.

Chiedi aiuto se ne hai bisogno

Se durante le fasi di realizzazione del lavoro grafico ti rendi conto di non farcela da solo e di avere bisogno di altre competenze per completarlo, non esitare a chiedere aiuto.

Come spiegato anche al punto numero 1, il ciclo di vita di un lavoro grafico è lungo. Se una pubblicità è ben fatta, continua a lavorare per molto tempo per il tuo business senza che tu abbia spese aggiuntive.

Sfrutta i software organizzativi

Un modo per essere certi di aver capito come organizzare il lavoro grafico è quello di affidarsi alla tecnologia. Ci sono tanti programmi per grafici, chiamati visual tools, che puoi testare. Alcuni sono gratuiti ed altri hanno costi ridotti. Scopri quelli che ti potrebbero aiutare.

Facciamo qualche esempio di software organizzativo funzionale. Timely ti sincronizza il calendario e ti mette in condizione di prevedere costanti check dello stato d’arte. Se lo imposti su di te, sei sicuro di avere un “padrone” severo a cui rendere conto. Da questa pagina puoi avere acceso ad altri 39 tool che potrebbero semplificarti le consegne.

Collabora solo con fornitori affidabili

Se hai una scadenza ravvicinata, rivolgiti a una tipografia professionale. Avrai la certezza che consegnerà il lavoro in tempo e ben fatto. La qualità della stampa e dei materiali usati fa la differenza e potrebbe distruggere il tuo buon approccio fino a quel momento.

Proprio per essere certo di rispettare l’ultimo consiglio di questa guida su come organizzare il lavoro grafico ti consigliamo di prenderti del tempo e venire a trovarci sul nostro sito ufficiale. Le soluzioni e i prodotti proposti sono davvero tante.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Back To Top