skip to Main Content

Brand identity: come costruirla bene in soli 5 passaggi

Brand identity

Gestire la comunicazione di un’azienda non è facile. Ci sono valutazioni da fare sul web ma anche altre da fare offline. In quest’articolo ti dimostriamo quanto ancora siano efficaci le strategie di stampa personalizzata. Non ti devi spaventare ma è bene che parti dall’idea di dover lavorare in modo organizzato e programmando tutti i diversi passaggi promozionali.

Non si può fare alcuna pubblicità, però, senza avere una chiara e precisa brand identity, cioè identità aziendale. Si tratta della partenza da cui prende forma ogni strategia e che sarà il filo conduttore delle tue azioni per essere certo di non disperdere mai il tuo lavoro. E allora come si crea la propria personalità di marchio?

Ecco 5 consigli su come muoversi nella costruzione della brand identity.

1 – Imposta tutto sullo story telling

Per creare una forte brand identity è importante che tu racconti al cliente la tua storia. Non si tratta, infatti, solo di fare un elenco di cosa offri né tanto meno di sottolineare perché sei meglio degli altri. Al consumatore tutto questo non interessa e quel che non interessa non viene tenuto a mente.

Lo scopo principale della brand identity è essere memorizzato dalle persone. Ti stai dando l’opportunità di esistere nell’immaginario collettivo di una comunità più o meno grande. Marchi italiani come Barilla o Fiat hanno vinto la loro sfida perché sono andati oltre l’oblio. Questo lo puoi fare solo spiegando chi sei e sperando che il tuo story telling affascini i clienti al punto di darti il “permesso” di esistere nella loro testa.

2 – Mostra benefici e vantaggi della tua offerta

I clienti sono egoisti. Pensano solo al loro interesse personale. Per essere certo di creare una brand identity solida, perciò, accetta questo concetto come una verità assoluta e costruiscici la tua comunicazione intorno. In che senso? Mostrando solo quello che di buono c’è per loro.

Non parlare di te, non parlare dei tuoi successi e non parlare dei tuoi progetti futuri. Parla solo di quali benefici e vantaggi per il cliente può dare il tuo prodotto e/o servizio. Di base dovresti essere certo di saper rispondere in modo chiaro e convincente alla seguente domanda:

  • Se spendo i miei soldi qua, cosa ne ricavo?

Ecco perché ha successo il catalogo Ikea. Perché spiega il relax che offrono le sue poltrone. Racconta la praticità che hanno le sue cucine. Sottolinea la solidità delle sue camere da letto per bambini. E’ un mercato dove presentarsi con qualcosa da scambiare.

3 – Cura la qualità delle immagini

Lo sai cosa vede come prima cosa in uno scenario l’occhio umano? Secondo importanti studi di Psicologia Comportamentale, le immagini. Solo dopo arrivano i testi e i dettagli. Ecco perché il layout visivo della brand identity deve essere molto lavorato.

Impegnati a scegliere solo immagini di qualità. Modificale, tagliale, cambia i colori. Non accontentarti dei primi risultati. Se risulti un professionista al primo sguardo, lo sarai per sempre. Pensa all’effetto che ha su di te un logo chiaramente improvvisato.

L’importanza delle immagini nella brand identity è talmente chiara che ultimamente sta prendendo piede la moda del logo nameless, cioè del marchio senza nome dell’azienda. Pensa ad elementi storici ed iconici come il baffo della Nike, la doppia emme del McDonald’s o i cerchi colorati di Mastercard.

4 – Non mettere mai da parte la coerenza

Una volta che hai definito la tua identità aziendale, è bene lavorare per consolidarla. Le scelte visive e testuali che ti raccontano devono comparire sempre in prodotti come:

  • biglietti da visita;
  • brochure aziendali;
  • cartoline di auguri;
  • rollup;
  • poster
  • sticker

Non puoi mai sapere questi prodotti di stampa personalizzata dove e da chi vengono visualizzati. Non ti puoi permettere il lusso di raccontarti in modo diverso a seconda dei contesti. Ricorda che è credibile solo chi non cambia mai versione di sé.

5- Studia come vieni percepito

Per spiegarti quest’ultimo punto sulla brand identity, dobbiamo partire dalla definizione della brand awareness che, secondo gli esperti, è:

la notorietà di una marca, ovvero il suo essere famosa e riconoscibile nella mente degli utenti.

Per essere certo di fare un buon lavoro con l’identità aziendale dovresti sempre capire come vieni visto. Potrebbero non coincidere i tuoi piani iniziali con i risultati finali. Usa test, fai interviste, approfitta del contatto umano nelle fiere e negli eventi. Capire come viene percepito il brand vuol dire capire come stai costruendo la tua brand identity.

Adesso che la brand identity non è più un mistero per te, puoi tornare a pensare alle singole azioni promozionali di stampa personalizzata.

Dal nostro sito potrai vedere quanti prodotti puoi usare per raggiungere i tuoi scopri e a quali prezzi. Datti da fare.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Back To Top